domenica 28 maggio – Trofeo Acos “I Cinghiali” – 2^ prova Trofeo Primavera

“Pedalando alla Festa dell’Acqua”
Domenica 28 maggio, in occasione della 20° Festa dell’Acqua, dell’Ambiente e della Solidarietà di Novi Ligure, la gara di mountainbike organizzata da I Cinghiali: “Trofeo Primavera 2017”.

Sempre più presente nella proposta degli eventi sul territorio Novese, la scuola di mountainbike “I Cinghiali” si aggiudica il merito di organizzare una prova di grande prestigio, appartenente al circuito regionale piemontese “Trofeo Primavera 2017”.
In occasione della 20° rassegna della “Festa dell’acqua, dell’ambiente e della solidarietà 2017”, organizzata da Acos S.p.a., Gestione Acqua S.p.a. e Gestione Ambienti S.p.a. (www.acoseventi.it), presso il Parco dell’Acquedotto “Pagella Bottazzi” di Novi Ligure (Strada Cassano 140), l’ASD mtb”I CINGHIALI”
(www.scuolamtbicinghiali.it) organizzerà un’importante gara di mountainbike che sarà valida come 2° prova del campionato regionale piemontese “Trofeo Primavera XCO 2017”.

Questo trofeo si rivolge alle categorie Giovanissimi G1-G6 (dai 7 ai 12 anni), maschili/femminili, tesserati FCI in regione; nel corso della mattinata si svolgerà inoltre la 4° edizione del “Trofeo Acos XC” per le categorie superiori (dai 13 ai 16 anni) Esordienti e Allievi maschili/femminili, tesserati in FCI.

La gara avrà luogo domenica 28 maggio dalle h 8 e si svolgerà su un percorso che è stato creato all’interno del Parco Acos, ma che sconfinerà anche nel territorio limitrofo. Grazie alla pulizia di sentieri nel bosco adiacente, si è potuto caratterizzarlo con diversi dislivelli e la presenza di numerose salite e discese, rendendolo così più tecnico e stimolante per le categorie superiori.

In questa occasione di festa, il “Trofeo Primavera XCO 2017” richiamerà la partecipazione di numerosi bambini e ragazzi concorrenti (sono infatti stimate circa 300 presenze), in quanto si rivolge a tutte le Scuole e Squadre di mountainbike del circuito regionale piemontese e delle regioni limitrofe.

Prima della gara, sarà riservato uno spazio dedicato al “Giocociclismo”, dove anche i bambini e ragazzi, di età compresa tra i 5 e i 14 anni, avranno la possibilità di pedalare su una parte del percorso di gara, giocando e divertendosi con la propria bicicletta.
Potranno così partecipare gratuitamente, sia bambini e ragazzini che non hanno mai frequentato una scuola di mountainbike (e che per questa occasione saranno coperti da un’assicurazione temporanea), che i bambini già tesserati presso la Federazione Ciclistica Italiana, appartenenti alla Categoria PG (Promozione Giovanile) e di età compresa tra i 5 e 6 anni.

XC Piemonte Cup – 4^ prova – Pecetto di Valenza (AL)

Domenica 14 Maggio 2017, a Pecetto di Valenza, si è svolta la gara XC Gold Race 2017, valida come 4° prova del Campionato regionale XC Piemonte Cup. Anche in questa occasione il Team di mtb dei Cinghiali ha voluto essere presente con sei dei suoi atleti: Enrico Calcagno – categoria Juniores, Ricky Daglio – Allievi, Michele Gay – Esordienti 2°anno, Nicolò Fiorone, Samuele Pastorino e Mattia Bauce – Esordienti 1° anno. Dopo un sorteggio che non ha favorito le posizioni in griglia degli atleti del Team, il primo a partire è stato Enrico Calcagno che, con una gara tutta in rimonta, ha chiuso in 25° posizione.

Successivamente, nel primissimo pomeriggio, è arrivato il turno di Michele Gay, Nicolò Fiorone, Samuele Pastorino e Mattia Bauce. Per loro una partenza senza errori ed un giro di lancio fatto senza risparmio, che lasciavano ben sperare nel risultato finale. La gara è stata molto tecnica e lunga, li ha visti impegnati per più di un’ora e si è conclusa con il 32° posto per Michele Gay, 27° posto per Nicolò Fiorone, 36° posto per Samuele Pastorino e 37° posto per Mattia Bauce.

L’ultima gara della giornata ha invece interessato Ricky Daglio che nonostante il percorso non fosse adatto alle sue caratteristiche atletiche, ha concluso in 27° posizione.

Il bilancio della giornata è stato comunque positivo per il Team dei Cinghiali. La gara era valida anche come “Campionato Regionale Agonisti” ed ha quindi visto la partecipazione dei migliori atleti. Di conseguenza il percorso ha evidenziato un tracciato molto tecnico, sia per i tratti in salita, molto ripidi e con curve strette, che quelli in discesa che comprendevano anche un rock garden insidioso. Ma questo non ha spaventato il Team dei Cinghiali che hanno voluto essere presenti, a darsi battaglia a colpi di pedalate.

 

Trofeo Primavera – 1^ prova – Passatore (CN)

“Prima prova del Trofeo Primavera: successo regionale per i Cinghiali”

Domenica 14 maggio soleggiata e molto positiva per la Scuola MTB I Cinghiali, che è scesa in campo per la 1° prova del campionato regionale “Trofeo Primavera”, dedicato alle categorie dei giovanissimi, in quel di Passatore (Cuneo). Fino ad oggi gli atleti de I Cinghiali si erano sempre confrontati con una realtà prettamente provinciale e la partecipazione della squadra a questo Trofeo ha significato quindi un “salto di qualità” nelle loro prestazioni sportive e la possibilità di confrontarsi con atleti di un livello più alto. La gara si è svolta su un percorso molto tecnico e stretto, dove la possibilità di sorpassare è stata fortemente limitata, soprattutto per chi partiva in fondo alle griglie.

Per la categoria G1, il più piccolo della squadra: Elia Corte. Giovanissimo atleta in continua evoluzione, sempre pronto a dimostrare la sua grinta. Elia è partito nelle posizioni di testa, che ha saputo mantenere durante tutta la gara, dimostrando abilità tecnica e rapidità lungo il percorso, chiudendo con un ottimo 5° posto.

La categoria G2 è stata rappresentata da Cesare Girotto, la cui partecipazione nel campionato regionale era molto attesa, perché vincitore delle ultime due prove di Alexandria Cup. Sfavorito dalla sua posizione in griglia di partenza, nel tentativo di guadagnare subito posizioni, si è toccato con un altro concorrente finendo entrambi a terra. Cesare non si è certo demotivato, è risalito in sella con la sua solita grinta e ha guadagnato posizioni, risalendo, fino a raggiungere l’11° posto finale.

Nella categoria G3 buono lo spunto in partenza di Giacomo Guastoni, che alla prima curva si trovava tra le posizioni di testa, poi alcuni errori di guida seguiti da un calo fisico hanno agevolato la rimonta da parte di alcuni suoi avversari e il suo piazzamento è stato in 12° posizione finale.
Per quanto riguarda Nicolò Corte, al suo primo anno di attivita agonistica, la sua gara è stata discreta e molto faticosa nella ricerca di un ritmo, non agevolata dalla sua posizione in griglia di partenza. Nicolò ha molta voglia di fare e di migliorarsi ed è senza dubbio un atleta che si impegna molto, sia in allenamento che in gara. Sta crescendo bene e la sua qualifica di gara finale è stata in 19° posizione.

Jacopo Baccaglini e Umberto Murgioni per la categoria G4. Sfortunate per entrambi le posizioni in griglia di partenza. Fino alla prima curva del percorso, Umberto guadagna posizioni e si mantiene tra i primi cinque. Poi perde ritmo a causa di intoppi nei punti piu stretti del percorso. Riesce poi a riprendere un ritmo ma con il gruppo allungato è difficile recuperare e si classifica così al 15° posto.
Jacopo invece, si “spreme” al massimo, dando tutto se stesso, supera numerosi avversari e chiude poi come 11°.

Grande vittoria di Giacomo Landolina per la categoria G5. Partenza fortunata per la sua posizione in griglia. “46” il numero assegnato e il pensiero di Giacomo è stato solo e unicamente “Valentino Rossi”. Giacomo guadagna subito la seconda posizione e conduce la sua gara con grande abilità tecnica, dove studia il suo avversario con capacità tattica e, nell’unico rettilineo possibile, lo sorpassa portandosi in prima posizione che mantiene fino alla fine nonostante la ruota anteriore si è praticamente sgonfiata a causa di una foratura.
Sempre nella stessa categoria, Alice Saponaro si aggiudica il 4° posto, con una gara discreta e di buon ritmo, dove forse non è riuscita ad esprimere il meglio di sé perché un po’ contratta per l’astensione di una gara di alto livello.

Prestazione sraordinaria di Filippo Musso della categoria G6. Malgrado la sfortuna iniziale della sua posizione in griglia di partenza, Filippo è partito ultimo, come 24°, la sua prestazione è stata “esagerata”, un vero e proprio miracolo!
Da ultimo partente, a testa bassa, Filippo guadagna la 16° posizione solo nel corso del primo giro. Nel secondo giro entra poi nella top ten, supera in una botta unica 5/6 avversari contemporaneamente e arrivando al terzo lo sorpassa nella salita tecnica, conquistando così il podio con un meritatissimo 2° posto.

Grazie a questi risultati il team de I Cinghiali si è aggiudicato il 3° posto nella classifica generale, con il merito, la riconoscenza ed un riscontro delle capacità e della preparazione dei suoi giovani atleti anche in ambito regionale.

6 ore a squadre di Livellato

“Cinghiali universali: dalla 6 ore di endurance di Livellato allo Street Food di Gavi”

C’era una grande attesa da parte dei tre ragazzi del Team I Cinghiali, per scendere in pista in occasione della 2° prova del challege ligure di Endurance, la “6 ore in MTB”, che si è corsa domenica 7 maggio a Livellato, una frazione del Comune di Ceranesi sulle alture di Genova.

Tre quindi i componenti della squadra novese, dove in seguito ad un avvicendamento previsto da regolamento, Matteo Daglio è stato sostituito da Enrico Calcagno (categoria Junior), che non aveva potuto partecipare alla prima prova del challenge, perché impegnato in un’altra gara del campionato piemontese.
Al via quindi per I Cinghiali: Ricky Daglio, Tommaso Barbieri e il nuovo arrivato Enrico Calcagno.

Puntuale il via alle ore 10 con Enrico Calcagno, il primo componente in pista. Enrico parte subito fortissimo per portarsi così avanti nella classifica. Chiude il primo giro in un’ottima terza posizione e cede il testimone al secondo biker della squadra novese, Ricky Daglio. Il ritmo di gara è molto alto e Daglio non riesce a sostenerlo, sulla salita della guidovia lascia alcune posizioni agli avversari, chiudendo il giro in ottava posizione. Arriva lo scambio con Tommaso Barbieri che, nel tentativo di recuperare posizioni, cade pesantemente a terra percorrendo la prima discesa in asfalto. Un pò acciaccato però non molla, risale in sella, riparte e chiude la sua sessione entro le posizioni della topten.

E’ nuovamente la volta di Enrico, che riparte a testa bassa per recuperare e riportare il team più avanti nella classifica. Purtroppo, nonostante le cure dei Direttori sportivi novesi, Tommaso non riesce a rimettersi e non è più in grado di ripartire. Malgrado questo, Enrico e Ricky non si perdono d’animo e si alternano a due le successive sessioni di gara; grazie ad un rush finale, Enrico guadagna un ottimo margine dalla squadra avversaria a ridosso e giunge al traguardo in 6° posizione assoluta, aggiudicando a I Cinghiali un meritatissimo 3° posto nella classifica di categoria.

I ragazzi del team novese non si sono risparmiati, facendo valere le loro capacità tecniche ed atletiche, al cospetto di un tracciato reso insidioso dalle abbondanti piogge dei giorni precedenti la gara; considerando anche la caduta di Tommaso Barbieri, che ha costretto gli altri due componenti della squadra ad un lavoro ed a uno sforzo straordinario.

Va sicuramente sottolineato il fatto che la squadra de “I Cinghiali”, per quanto unica con atleti al di sotto dei diciotto anni, non si è certo fatta intimorire dai bikers avversari di comprovata esperienza. Il podio conquistato dopo “6 ore e mezza” di gara, depone buone speranze per il proseguio del campionato, la cui prossima tappa è prevista il 2 luglio a Rovegno (GE).

Nella stessa giornata di domenica 7 maggio, anche il gruppo dei “piccoli Cinghiali” si è dato da fare. Sempre attenti e sensibili agli eventi, alle iniziative e manifestazioni proposte e organizzate nel nostro territorio, i Maestri dei Cinghiali hanno proposto una gita speciale, accompagnando i bambini al forte di Gavi per la visione della sua rievocazione storica in costume seicentesco, in occasione della festa “Gavi, il forte, il borgo”. La visita è stata poi seguita da una bellissima pedalata nei sentieri della campagna e delle colline di Gavi, per poi rifocillarsi e degustare i piatti tipici e le specialità del luogo, lungo le vie del paese, in occassione dello “street food” organizzato dai ristoratori locali della piccola cittadina piemontese.

XC Piemonte Cup – 3^ prova – Serravalle d’Asti

“I Cinghiali alla XC Piemonte Cup: lotta fino all’ultimo fango!” Tre consigli utili per affrontare il nemico numero uno di ogni biker.”

Un primo maggio di pioggia e fango a Serravalle d’Asti. Pioggia era prevista e pioggia è stata, fin dalle prime ore del mattino, trasformando così un bellissimo percorso sui colli astigiani in un tracciato al limite della praticabilità. Siamo alla 3° prova di campionato regionale MTB denominato “XC Piemonte Cup”, che prevede la partecipazione delle categorie Junior ed Esordienti. La pioggia ha flagellato tutta la zona di gara senza smettere nemmeno per un minuto e la temperatura è scesa al di sotto dei dieci gradi, rendendo tutto più difficile. Ma con grande tenacia e sfidando prima le condizioni metereologiche, poi gli avversari, tutte le categoria sono scese in pista per aggredire la morsa di fango in cui versava la zona di gara. Un plauso quindi a tutti i ragazzi che si sono messi in gioco. In questa occasione, solo due i componenti presenti per la compagine de I Cinghiali: Enrico Calcagno in rappresentanza della categoria Junior e Nicolò Fiorone per gli Esordienti 1° anno.

Al mattino erano previste le gare dei ragazzi più grandi. Malgrado la riduzione dei tempi di percorrenza, come enuncia il regolamento in caso di maltempo, la gara si è rivelata un vero e proprio calvario per tutti. A causa dell’impossibilità di pedalare, se non nei tratti di pianura, la prova si è trasformata in una sorta di “corsa a piedi”, con un grande dispendio da parte di tutti i partenti, perché costretti a dover spingere la bici. Ecco quindi cosa viene consigliato ai bikers dai direttori sportivi e dagli organizzatori, affinché possano affrontare al meglio questa particolare circostanza: 1 – montare gomme apposite più strette, con tassellatura rada, per scaricare il fango. 2 – montare i tacchetti sulle scarpe da mtb, in modo che ogni biker sia agevolato nei tratti di corsa a piedi, evitando così di scivolare. 3 – lavare subito e accuratamente la bici, lubrificarla successivamente con olio al silicone.
In questa particolare circostanza inoltre, durante la gara, la borraccia diventa anche uno strumento per “spruzzare acqua”, nel caso di accumulo di fango che può causare rotture sul cambio.
Fare una gara in una giornata del genere è stato come un “terno al lotto”, in quanto le rotture meccaniche e le cadute sono stati gli elementi predominanti, rispetto ai gesti tecnici compiuti dagli atleti. Difficile inoltre modificare le posizioni in gara, rispetto a quelle acquisite in griglia di partenza, per l’impossibilità di sorpassare, se non per problemi dell’avversario, ed effettuare tentativi di recupero.

Inizialmente, per la categoria Junior, erano previsti tre giri del percorso; ma una volta constatata l’effettiva difficoltà dei bikers, durante lo svolgimento della prova, i giudici di gara hanno deciso di portarlo a soli due giri. Partito in griglia dalle retrovie del gruppo, Enrico Calcagno è riuscito a guadagnare la metà dei concorrenti, in uno dei pochi tratti pedalabili nella fase di partenza e, nonostante la difficoltà della situazione, con grande coraggio ha chiuso in un onorevole 15° posto.

Dopo una lunga riunione tra direttori sportivi, giuria e organizzatori si è deciso di far partire comunque le categoria dei più giovani, malgrado la pioggia e il freddo continuassero ad imperversare.
La partenza degli Esordienti è avvenuta sotto una pioggia incessante, con una prova ridotta ad un solo giro del percorso.
Buono lo spunto in partenza di Nicolò Fiorone, che si è portato subito nel gruppetto di testa mantenendo la sua posizione per metà gara; nel percorrere poi la discesa tecnica, diventata ormai uno dei punti più difficili della giornata, è caduto ed è stato superato da gran parte dei suoi avversari, prima di riuscire a liberare la sua bici dalla morsa di fango e riuscire a risalire in sella. Giù la testa in un tentativo di recupero, ma viste le condizioni della pista e la brevità del percorso, Nicolò si è dovuto accontentare di una 20° posizione.

Un plauso va comunque ai due portacolori di Novi Ligure, per la loro determinazione e coraggio dimostrato in un giornata così angusta, dove l’eccessiva presenza di fango ha reso la gara molto faticosa e difficile dal punto di vista tecnico.

Alexandria Cup – 3^ prova – Boschi di Sezzadio

Pasquetta di gare e trionfo per I Cinghiali

Alla “Festa delle viole” di Boschi di Sezzadio, la Scuola Novese di Mountainbike conquista il primato nella classifica a squadre

Classico appuntamento di Pasquetta in quel di Boschi di Sezzadio, dove si corre da diversi anni il trofeo di mountainbike “Festa delle Viole”, quest’anno valido anche come 3° prova del challenge dedicata alle categorie giovanissimi, “Alexandria Cup”.
In una calda giornata primaverile, nonostante fosse una giornata di festa, la partecipazione al “Trofeo delle Viole” è stata copiosa, con bambini, genitori e squadre provenienti dalla provincia limitrofe e dalla Liguria.

Forti della vittoria di domenica scorsa, i ragazzi della Scuola di Novi Ligure sono stati presenti a darsi battaglia, per confermare il loro primato. E così è stato, grazie all’impegno e agli ottimi piazzamenti ottenuti nelle varie categorie. I Cinghiali hanno portato a casa anche il “Trofeo delle Viole” e con i punti conquistati, consolidano la loro posizione nella classifica a squadre dell’Alexandria Cup, confermando di essere la squadra da battere. Seconda classificata è giunta la squadra di Valenza e-evolution, mentre l’ottima compagine della scuola MTB di Quiliano, in provincia di Savona, si è aggiudicata il terzo posto.

Venedo alle cronache di gara della giornata, si parte con il piede giusto già nel giocociclismo, ovvero la categoria che comprende i bambini al di sotto dei sette anni al primo approccio con la mtb; conquista infatti il 3° gradino del podio, Elia Canobbio, il piccolissimo di soli quattro anni, ormai diventato la “mascotte” della scuola.

Per la categoria G1, al via Elia Corte che riesce a portarsi subito nella testa della corsa; tantissima la grinta e la voglia di pedalare che lo portano a superare due avversari, per giungere poi al traguardo con un meritatissimo 4° posto.

Molti gli alfieri schierati nella categoria G3, ben 5 componenti. Anche in questa compagine, ottimo lo spunto al via dei biker di Novi Ligure che, al primo giro, vedono Tommaso Trezza transitare secondo e Davide Simonelli terzo, mentre Simone Fracchetta, Giacomo Guastoni e Nicolò Corte devono districarsi dal gruppo dei numerosi partenti. Tommaso Trezza tiene il passo del primo concorrente per due giri, rompe gli indugi all’ultimo giro, lo sorpassa e vince. Molto bene anche Davide Simonelli che si qualifica 3° e mantiene questa posizione per tutta la gara, pur cercando una costante rimonta sul secondo che non riesce però a superare, seppur arrivandogli molto vicino. Simone Fracchetta 9° classificato, Giacomo Guastoni 10° e Nicolò Corte 11°, grazie all’ottimo lavoro di squadra che gli fa recuperare diverse posizioni, arrivando così a ridosso della topten.

Grande recupero anche per Filippo Guido della categoria G4 che, partendo nel fondo della griglia di partenza, riesce a giungere 5° malgrado non abbia potuto confrontarsi con i suoi avversari, quelli con cui battaglia normalmente, perché più fortunati e favoriti dalle estrazioni delle postazioni iniziali. Posizioni in griglia non fortunate anche per Jacopo Baccaglini che, lottando a denti stretti, raggiunge il 10° posto; Umberto Murgioni invece si qualifica 11°, chiudendo così a ridosso del suo compagno di squadra.

Nella categoria G5, bene lo spunto di Pietro Moncalvo che parte nella testa del gruppo, mentre invece Vasco Pastorino già al primo giro transita oltre la metà. Ma la gara è lunga e anche la tattica adottata ha la sua importanza. Moncalvo riesce a risalire al terzo posto che, a causa di un calo per l’eccessivo caldo della giornata, dovrà cedere, chiudendo così la sua competizione come 4° classificato; posizione ottima però la sua, che gli consente di mantenere il primato, nell’ambito della classifica generale di campionato. Molto determinato Vasco Pastorino che, grazie a un’eccellente progressione, riesce a risalire diverse posizioni e a chiudere nella topten con un 8° posto, con una qualifica che gli permette di conquistare molti punti necessari per il challenge in questione.
Sfortunata invece la prova di Alice Saponaro che, a causa di una foratura, pur trovandosi in terza posizione è costretta al ritiro.

Continua la marcia inarresatibile di Filippo Musso, nella categoria G6, che con la vittoria di Boschi di Sezzadio, conquista il terzo primato su tre prove. Enplein quindi per lui che, nonostante una partenza da centro gruppo, a testa bassa raggiunge e supera tutti i suoi avversari senza possibilità di replica. Buona la prestazione di Matilde Tacchino, che conquista il 3° gradino del podio e preziosissimi punti di campionato. Gara sfortunata invece per Alessia Silvano che, a causa di una brutta caduta durante l’ultimo giro, è costretta al ritiro.

Pasquetta molto positiva per la scuola MTB di Novi Ligure che conclude una fantastica giornata di sport all’aria aperta, con la soddisfazione di avere portato tutto il gruppo coeso a guadagnare una importante vittoria.

 

XC Piemonte Cup – Alexandria Cup – 2^ prova – Mirabello Monferrato

“Cinghiali avanti tutta!”
Domenica 9 aprile grandi risultati per la squadra Novese che conquista il 1° e 2° posto nell’ambito dei challenge “Alexandria Cup” e “6 ore” di Montoggio.

Doppio appuntamento per la compagine de I Cinghiali che, domenica 9 aprile, si è presentata in gran forze alla 2° prova dei Challenge di MTB “XC Piemonte Cup” e “Alexandria Cup” disputate entrambi a Mirabello Monferrato. Nella stessa giornata la squadra Novese ha partecipato, con un’altra formazione, anche alla “6 ore di Montoggio”, la gara di endurance a squadre disputata nella provincia di Genova.In quel di Mirabello le gare sono cominciate al mattino, dove le prime categorie a scendere sono state quelle degli Under 23, Elite e Junior.
In quest’ultima categoria si è schierato Enrico Calcagno, reduce da un terzo posto conquistato la domenica scorsa, 2 aprile, alla prima prova di Asti. Ottimo lo spunto al via; Enrico transita infatti in sesta posizione a ridosso del gruppetto dei primi che sembra intenzionato a scappare. Alto il ritmo di gara e molti gli avversari a giocarsi la competizione. Purtoppo, al secondo giro, a causa di un contatto con un avversario che gli fa perdere diverse posizioni, Enrico transita al decimo posto, che mantiene fino al traguardo, a causa di un percorso, dove i punti per poter sorpassare gli avversari sono veramente pochi.
A seguire le gare degli Esordienti. Anche in questo caso, ottimo lo spunto in partenza di Nicolò Fiorone, che si porta subito nel gruppo di testa, quasi a volersi rifare della rottura della catena avvenuta la domenica precedente. Nei primi giri Nicolò riesce a tenere alto il ritmo imposto alla gara, ma in seguito ad un calo dovuto allo sforzo fatto per mantenerlo costante, dovrà poi cedere alcune posizioni. Concude comunque nella top ten in 9° posizione.Buona anche la prestazione di Mattia Trezza, alla sua prima gara stagionale, che a ridosso della topten chiude in 11° posizione. Samuele Pastorino invece conclude in 18° posizione, nonostante una partenza dal fondo della griglia. Per gli Esordienti del secondo anno, Michele Gay chiude la sua gara al 28° posto, posizione che non rispetta le sue qualità.
Per la categoria Allievi una menzione particolare va fatta ad Andrea Parodi che, pur essendosi avvicinato alla MTB solo da poche settimane, con grande coraggio si è buttato nella mischia.Tantissimi i bambini presenti nell’ambito delle categorie Giovanissimi, con griglie quasi al numero massimo da regolamento. Giornata veramente calda, sia agonisticamente che metereologicamente.
Nella categoria dei G1 Elia Corte chiude in 9° posizione, nonostante una caduta che gli ha fatto perdere la possibilità di un miglior piazzamento.
Cesare Girotto, 8 anni, in rappresentanza della categoria G2, ha fatto una gara perfetta che lo ha visto gudagnare tantissime posizioni già al primo giro, transitando poi in 6° posizione, nonostante una non favorevole condizione di partenza. Nei restanti giri, ha raggiunto i suoi avversari più diretti e sorpassando il quinto e il quarto, è arrivato in volata a pochi centimetri dal terzo posto.
Grande battaglia nella categoria G3, con Tommaso Trezza che giunge 6°, cedendo la quinta posizione all’ultimo giro concluso, a causa di un salto di catena nel tratto finale di corsa. Nel top ten, Davide Simonelli conclude al 9° posto, Giacomo Guastoni chiude 11°, Simone Fracchetta 16° e Nicolò Corte 19°.
Tutte lodevoli le loro prove, perché caratterizzate da molta grinta.

Veramente affollata la griglia della categoria G4 e molto difficile districarsi nella bagarre iniziale in un percosro monotraiettoria. Conferma del buono stato di Filippo Guido che chiude 5°, anche se la posizione da lui conquistata non lo ripaga appieno. Stoica la prestazione di Jacopo Baccaglini, che arriva 9° guidando per tre giri in piedi, a causa di un problema alla sella. Grande impegno hanno dimostrato Federico Fiorone, diciottesimo, e Umberto Murgioni ventesimo.
Anche per Pietro Moncalvo, categoria G5, una decima posizione che però non rende giustizia, perché per una partenza dalle retrovie viene rallentato dai suoi avversari. Buona la prova di Vasco Pastorino che chiude nei primi venti. Sempre per la categoria G5, femminile, vittoria a mani basse da parte di Alice Saponaro.

Ultima categoria di giornata, quella dei G6, i ragazzi di 12 anni. In questo caso, a causa della sfortuna ai sorteggi per le posizioni nella griglia di partenza, Filippo Musso si trova in ultima fila dello schieramento. Ma con una partenza perfetta trova un corridoio che gli permette di portarsi già, prima dell’ingresso nel bosco, in terza posizione. Riesce a recuperare terreno sul secondo avversario che lo raggiunge. Nulla da fare per agganciare il primo, il tempo si è ormai esaurito, e mèntre Filippo è impegnato a duellare con il secondo, con un buon margine di sicurezza si aggiudica la vittoria. Due le ragazze portacolori della squadra novese sempre in questa categoria; Alessia Silvano chiude in 6° posizione, mentre Matilde Tacchino termina 7°.

Buone quindi le prestazioni di tutti i “Cinghiali”, che hanno permesso al team di Novi Ligure di conquistare il 1° posto nella classifica a squadre di giornata ed ottenere punti importanti nell’ambito della classifica assoluta dell’Alexandria Cup, consolidando così la leadership di campionato. Appuntamento per la 3° prova del challenge provinciale a Boschi di Sezzadio, lunedì prossimo 17 aprile, nella giornata di Pasquetta.

Da Mirabello Monferrato ci spostiamo a Montoggio, dove Richi Daglio e Tommaso Barbieri provano la prima esperienza in una gara di Endurance, nell’ambito della​ “6 ore di Montoggio”, in un Challenge ligure che comprende altri 4 eventi.
Schierati in un team 3 alle h 10 si da il via alle ostilità. Ottima partenza di Riccardo che, noncurante dell’essere il più giovane in griglia, parte a fionda a ridosso dei primi e conclude il primo giro al quarto posto consegnando un buon margine a Tommaso. Nelle tornate successive i due, coadiuvati dal capitano che gareggia come terzo cambio, gestiscono la situazione giro dopo giro, forti del vantaggio accumulato nel primo run, ed in totale controllo, dopo sei ore, chiudono la gara in 2° posizione, sia assoluta che di categoria​.
Ottima quindi la loro prestazione, che vede un favorevole riscontro di consensi personali sia per Richi che per Tommaso.

XC Piemonte Cup – 1^ prova – Asti

Podio per Calcagno Enrico dei Cinghiali che conquista il terzo posto nella 1° tappa di “XC Piemonte Cup 2017″”

Da diversi giorni le previsioni meteo davano acqua su Asti. È così e stato nella località di Valmanera dove, domenica 2 aprile, si è svolta la prima prova del campionato regionale di MTB “XC Piemonte Cup 2017” che, articolato in 9 tappe, decreta i campioni del challenge a partire dalla categoria degli Esordienti.
La copiosa pioggia che si è riversata sul percorso, ha costretto gli organizzatori a ridurre il numero di giri previsto nella gara, dato il dilatarsi dei tempi di percorrenza.
Nonostante ciò, il primo via è stato dato puntuale alle ore 10, per la partenza della prima categoria, quella degli Under 23, seguita a pochi secondi dagli Junior ed infine dai Master.

Nella categoria Junior, Enrico Calcagno dei Cinghiali. Con una partenza lanciata su asfalto e successivo ingresso nel bosco, si porta subito nel gruppetto di testa. Enrico guadagna posizioni prima di arrivare nei single track del bosco dove, a causa del terreno fangoso, si crea un rallentamento di marcia degli avversari davanti a lui che lo mette in difficoltà e gli fa perdere ritmo. Le condizioni in cui si corre sono veramente difficili. Al primo passaggio il portacolori novese si trova in sesta posizione e, all’inizio del secondo giro, inizia un forcing che lo vede raggiungere quasi subito il quinto e il quarto avversario, per poi mettersi alla caccia del terzo anche se aveva già circa 30 secondi di vantaggio. Nonostante le condizioni di aderenza praticamente nulla, a testa bassa, comincia a recuperare secondi, arrivando cosi alla ruota del suo terzo concorrente, a metà dell’ultimo giro. Con una tattica pressochè perfetta, lo attacca prima dell’ultima e insidiosa discesa, superandolo e dandogli un distacco tale che gli consente di raggiungere il traguardo con un margine di sicurezza. Grande la felicità di Enrico, per la conquista di un importantissimo terzo gradino del podio!

Nel primo pomeriggio erano previste le partenze delle categorie degli Esordienti e Allievi. Nel frattempo la pioggia ha cessato di scendere, rendendo però ancora più difficle il percorso a causa del fango diventato sempre più colloso.

Alle ore 14 viene dato il via alle ultime categorie della giornata. I più giovani si trovano a dover disputare una gara su un terreno al limite della trazione, che ha costretto tutti i concorrenti a percorrere molti tratti a piedi, in quanto era impossibile salire o scendere con la biciclietta. Diversi gli esponenti del team novese, tra questi Riccardo Daglio, della categoria Allievi, sempre molto veloce e generoso. Nonostante una partenza avvenuta non nel gruppetto di testa, la sua gara ha avuto un buon ritmo che gli ha consentito di recuperare parecchie posizioni, per quanto sia stata molto difficile e faticosa. È giunto al traguardo in 9° posizione, a causa di una scivolata che, a pochi metri dalla fine, ha permesso a un suo avversario di sopravanzarlo. Per lui, essere riuscito a qualificarsi nella topten, malgrado le diverse problematiche al cambio, è stata una buona iniezione di fiducia per le prossime gare.

Parecchie inoltre le rotture e i problemi meccamici dovuti all’eccessivo accumulo di fango sulle bici; Nicolò Fiorone, ad esempio, a causa della rottura della catena si è dovuto ritirare dopo solo un giro di gara.

A lottare invece, prima con la morsa del fango e successivamente con gli avversari, Michele Gay e Samuele Pastorino, entrambi della categoria degli Esordienti, hanno terminato la loro gara con un notevole dispendio di energie e allo stremo delle loro forze. Un plauso per i due bravissimi Cinghiali che, stringendo i denti, hanno saputo portare a termine la loro prova con una dimostrazione di grande crescita agonistica.

Il prossimo appuntamento con la “XC Piemonte Cup 2017” sarà domenica 9 aprilea Mirabello Monferrato, dove contemporaneamente si correrà anche la prova del challenge per i giovanissimi “Alexandria Cup”. In questa prossima occasione, la squadra novese dei Cinghiali sarà presente al completo, per una nuova giornata di sport e agonismo e per portare a casa dei buoni risultati.

Alexandria Cup – 1^ prova – Acqui Terme

Alla prima prova dell’Alexandria Cup acuti di Girotto e Musso

L’ Alexandria Cup di mountainbike 2017 è partita. Il via del challenge è stato dato domenica 26 marzo in quel di Acqui Terme, presso il centro sportivo Mombarone, sotto l’egida del Team La Bicicletteria. Il challenge, dedicato alle categorie Giovanissimi dai 7 ai 12 anni, è composto da sei prove il cui termine è previsto nel mese di settembre.

Oramai diventato un trofeo rinomato nel mondo ciclistico giovanile, coinvilge sempre più squadre e bambini della provincia di Alessandria, ma non solo; ad Acqui Terme infatti erano presenti squadre provenienti dalla Liguria e Lombardia.

La scuola MTB I Cinghiali, già vincitrice assoluta delle ultime due edizioni (2015 e 2016) e sempre sensibile agli eventi proposti nel

territorio, ha partecipato con parecchi esponenti in tutte le categorie.
In questa occasione il presidente Gigi Fiorone ha dichiarato: “Noi maestri che lavoriamo con questi ragazzi, con dedizione e continuità, riteniamo che queste giornate siano anche un importante momento di aggregazione sia per il gruppo dei nostri giovani atleti che per le loro famiglie. Mi ha fatto molto piacere vedere come abbiano imparato a sostenersi a vicenda, sia nel momento della gara che fuori. Dal punto di vista agonistico, oggi ho potuto constatare come tutti loro abbiano dato il massimo e siano stati tecnicamente molto bravi. Tutto questo ci ripaga enormemente del lavoro che facciamo noi maestri, sia settimanalmente che nel lungo periodo di tutta la stagione”.

Ottimi infatti i risultati di tutte le categorie, sia maschili che femminili.

La giornata è iniziata con le partenze dei più piccoli; i G1, 7 anni, sono i primi a scendere in pista. Alle prime esperienze con le gare, dimostrano comunque grinta da vendere rispetto ai più grandi. Ha pagato un pò di inesperienza il piccolo cinghiale Corte Elia che, a causa di una partenza nelle retrovie e nella foga del recupero, è incappato in alcuni errori che hanno reso la sua gara in salita, fino al raggiungimemtp dell’ottavo posto finale.

Per la categorie G2 e G3, visto l’elevato numero di partenti, si è ricorso a batterie di qualificazione con finale tra i migliori classificati. Nei G2, non sono valsi a nulla gli sforzi degli avversari contro Girotto Cesare, che ha vinto la sua manche di qualifica replicando la vittoria anche in finale, dove dopo poche curve ha conquistato la prima posizione del gruppo mantenedola fino al traguardo.
Nei G3 ha dominato Trezza Tommaso, che non è riuscito però a confermare la sua posizione in finale, concludendo la sua gara sul terzo gradino del podio, dopo un’estenuante lotta fino alla linea di arrivo con il secondo classificato.
Buona la prova di Simonelli Davide che, nonostante essere caduto alla prima curva, ha poi recuperato posizioni fino al raggiungimento del quarto posto nella classifica finale. Mentre Giacomo Guastoni si è qualificato sesto e Corte Nicolò nono, Fracchetta Simone purtroppo non è riuscito a guadagnare la finale.

Combattuta la categoria G4 dove un quartetto di ragazzi si è conteso le prime posizioni durante tutto il percorso di gara. Nel quartetto c’era Guido Filippo, che ha lottato con grinta contro i suoi avversari, conquistando poi il terzo gradino del podio. Nonostante le loro sfortunate posizioni nella griglia di partenza, hanno invece dimostrato buona velocità Baccaglini Jacopo, Murgioni Umberto e Fiorone Federico, concludendo poi la loro competizione rispettivamente in decima, undicesima e dodicesima posizione.

La categoria G5, ha visto la partecipazione di due esponenti maschili e una femminile. Moncalvo Pietro, a causa di un errore fatto in partenza, ha fatto una gara in salita conquistando comunque il sesto posto. Alle sue spalle, in settima posizione, Pastorino Vasco con grande bravura e determinazione. Per quanto riguarda invece la categoria femminile, bravissima Saponaro Alice che ha conquistato il terzo gradino del podio.

Ultima gara di giornata quella dei dodicenni, la categoria G6. Nella gara maschile predominio assoluto di Musso Filippo, che con una partenza accorta dopo poche curve si è sbarazzato dei suoi avversari, conquistando il primo posto con un distacco incolmabile. Buone soddisfazioni anche per la categoria femminile, grazie alla terza posizione di Silvano Alessia che ha condotto una gara dove non si è risparmiata e al risultato di Tacchino Matilde che si è posizionata ad un passo dal podio.

Positiva la giornata per tutto il gruppo dei Cinghiali, la Scuola di MTB di Novi Ligure, che hanno conquistato la seconda posizione nella classifica a squadre, con un distacco di un solo punto rispetto alla prima squadra qualificata.

Appuntamento con la seconda prova dell’Alexandria Cup il 9 aprile a Mirabello Monferrato.

 

La Croce Rossa in bici, a scuola di mountain bike dai Cinghiali

Parte il primo servizio di assistenza su due ruote a Tortona: quattro volontari in mountain bike pedalano in soccorso

C.R.I. Tortona….ore 20.30. Margherita è una grande donna. Oltre ad essere una volontaria C.R.I., ha deciso di donare ben 4 mountain bike alla sua sezione, rendendole operative con tutta l’attrezzatura necessaria per il primo soccorso.

Gigi Fiorone, Presidente della scuola MTB I Cinghiali di Novi Ligure, dichiara: “È stata una bellissima esperienza ed un onore per noi della Scuola MTB I Cinghiali, il poter affiancare i volontari nella preparazione di un percorso classico di prova che riproduceva ostacoli necessari per l’apprendimento dell’equilibrio nella guida e per gli accorgimenti tecnici fondamentali nella “partenza” e “frenata”.
Questi ragazzi sono pronti a tutto: casco ben allacciato, freni pronti e tanta voglia di aiutare chi è in difficoltà. Un grazie di cuore a questi Angeli, da parte di tutti noi.”

A livello nazionale, nell’ambito delle attività della C.R.I., “la Croce Rossa in Bici” parte nel 2009 in via sperimentale, come un servizio di primo soccorso e assistenza su due ruote, che oggi si consolida ulteriormente presso la sezione di Tortona, dove è prevista la presenza di quattro operatori su 4 biciclette mountain bike. La squadra di bikers sarà infatti impiegata in aree e periodi con maggiore afflusso di cittadini, con l’obiettivo di dare loro assistenza in caso di necessità.

Lo scopo di questa iniziativa è di stabilire un contatto diretto e professionalmente  qualificato con l’infortunato e, quando sia necessario, allertare gli altri organismi competenti per il miglior coordinamento e la buona riuscita del soccorso, così da avere un triage più accurato.

Il servizio è attivo anche a Roma, Firenze, Milano, Bari, Catania, Rosignano Solvay, San Benedetto del Tronto, Sesto San Giovanni, Sorrento, Cremona, Ciampino, Arezzo, Fermo, Sansepolcro, Ariccia, Genzano, Lanuvio, Manfredonia e Cuneo.