Tag Archives: NoviLigure

Nuova divisa 2016

Grande Festa al Museo dei Campionissimi di Novi Ligure per la presentazione della nuova divisa del gruppo MTB I Cinghiali.

A presentare la maglia sono stati tutti i bambini e ragazzi della scuola di MTB, che sotto gli occhi di un folto pubblico, sono stati i protagonisti principali.

E’ stata anche illustrata la storia del gruppo, con il Presidente e Vice Presidente che hanno indossato le precedenti divise. Le divise nuove, come già lo erano le passate, sono rimaste legate ad aziende del territorio, sensibili agli obiettivi del nostro gruppo, e che producono prodotti di eccellenza, alcune proprio utilizzando il territorio teatro delle nostre pedalate.

Ecco alcune immagini

13 settembre – Alexandria Cup – Novi Ligure

Domenica 13 settembre si è disputata la Finale del Challenge Alexandria Cup. Purtroppo però data l’abbondante pioggia si è corsa solo la gara per le categorie Esordienti e Allievi. Annullata quindi la gara per le categorie Giovanissimi dei più piccoli che non possono correre quando le condizioni meteorologiche diventano avverse.

Con grande dispiacere, soprattutto per i bambini, abbiamo dovuto cedere di fronte ad una pioggia molto abbondante, vanificando in parte tutto il lavoro di preparazione dei mesi precedenti. Un grazie anche alle persone e genitori che hanno dato una mano per la migliore riuscita della manifestazione.

Premiazione finale, con consegna della maglie di campione, quindi rimandata a data da destinarsi.

Alcune foto e video delle premiazioni della gara

2 gennaio – Campionissimo Me- Pantani è tornato

In occasione dell’anniversario della scomparsa di Fausto Coppi, il 2 gennaio scorso, al Museo dei campionissimi, si sono svolti due importanti eventi. Presenti molte autorità locali e personaggi famosi tra cui anche Faustino, il figlio del nostro campionissimo Fausto Coppi.

E’ stata inaugurata la mostra dal titolo “Campionissimo me”, Riccardo Guasco un illustratore sul tracciato: illustrazioni, disegni e schizzi intorno al mondo del ciclismo. Sono esposte tutte le opere che negli anni Riccardo Guasco, individuato da “La Repubblica” tra gli undici illustratori italiani che tutto il mondo ci invidia, ha realizzato sul tema del ciclismo insieme a molti nuovi lavori fatti appositamente per il Museo dei Campionissimi. Chi è Riccardo Guasco? “rik”, illustratore e pittore, è nato ad Alessandria nel 1975. Influenzato da movimenti come il cubismo e il futurismo e da personaggi come Picasso, Depero, Feininger, Savignac, Chaplin, pensa che disegnare sia una forma di poesia e con linee semplici e pochi colori cerca la leggerezza della forma e il calore cromatico. I suoi lavori sono costellati di altissime case, biciclette, grandi cetacei, uccelli migratori, barche sospese, nuvole e altri oggetti forse provenienti da un posto chiamato fantasia. Le sue illustrazioni appaiono su campagne pubblicitarie, riviste, libri, cappelli e biciclette. La mostra sarà visitabile fine all’ultimo fine settimana di Marzo.

link al suo sito http://www.riccardoguasco.com/

Subito dopo l’inaugurazione della mostra, è stato presentato il nuovo libro di Davide De Zan, “Pantani è tornato”, un lavoro d’inchiesta puntiglioso e serrato con cui il noto giornalista e conduttore sportivo apre nuovi scenari sulla prematura morte del Pirata. De Zan ha spiegato al pubblico presente, quale percorsi ha intrapreso e raccontato nel suo libro, per cercare la verità sulla prematura scomparsa del pirata.

La storia parte dalle immagini di Marco Pantani scortato dai carabinieri a Madonna di Campiglio il 5 giugno 1999. Per qualcuno, quel giorno crolla un mito. Per Pantani è il mondo stesso a crollare. Insieme alla maglia rosa gli sfilano l’onore, e un gran pezzo di vita. È una discesa agli inferi, che il Pirata compie scalino dopo scalino e si consuma il 14 febbraio di cinque anni dopo nel residence di Rimini dove viene trovato morto. Overdose è il verdetto del giudice. Qualcosa di molto simile a un suicidio per il resto del mondo. Qualcuno continua a nutrire dubbi su quella conclusione ma servono nuovi elementi e molto coraggio per spingere la magistratura a riaprire il caso.

In attesa del verdetto dei magistrati possiamo scoprire leggere tutto quello che il noto giornalista conosceva ed ha scoperto.

Ecco alcune immagini della giornata.